AIDAnova

Qualche curiosità, della nave dove ho lavorato e dove dovrò tornare per terminare i lavori…

Si chiamerà AIDAnova la prima nave della nuova  classe Helios commissionata da AIDA Cruises ai cantieri tedeschi Meyer Werft di Papenburg. Con una stazza lorda di 180.000 tonnellate, l’Ammiraglia potrà ospitare fino a 5.000 passeggeri e sarà alimentata a gas naturale liquefatto, garantendo una riduzione delle emissioni di azoto fino all’80% e quelle di anidride carbonica di un ulteriore 20%.

Quando entrerà in servizio a fine  2018, AIDAnova proporrà una prima stagione di crociere settimanali alle isole Canarie e a Madeira, con partenze da Gran Canaria o Tenerife e scali a Madeira, Lanzarote e Fuerteventura. La programmazione inaugurale della nave è già aperta alle prenotazioni.

A Papenburg, la posa della chiglia di AIDAnova è prevista per il prossimo mese di settembre, mentre il float out è stato pianificato per agosto 2018.

Le nuove unità di classe Helios si caratterizzeranno per un design innovativo e l’adozione a bordo della più moderna tecnologia, così da garantire il migliore comfort di viaggio. I servizi tipici dell’offerta AIDA, quali ad esempio il Theatrium, la birreria ed ancora il beach club, saranno aggiornati ed ulteriormente migliorati.

I punti salienti dell’offerta di bordo  includono 21 diverse categorie di cabine, che vanno da eleganti suite ai ponti più alti a spaziose soluzioni familiari  ed ancora a sistemazioni singole con balcone. Le cabine più grandi offriranno fino a 53 metri quadrati di spazio, oltre ad un grande terrazzo affacciato sul mare, una camera da letto separata, una cabina armadio e potranno ospitare fino a 5 passeggeri.

La nave proporrà anche 17 diversi ristoranti, di cui 5 di specialità, 6 à la carte, 5 a buffet ed uno snack bar, oltre a 23 bar per un’offerta capace di raccogliere le principali tendenze internazionali.

Oltre 3.500 metri quadrati distribuiti su due ponti  saranno poi dedicati alla nuova Body & Soul SPA, che sarà dotata di cinque diverse saune con vista sull’oceano, una terrazza solarium con tre vasche idromassaggio, una sala con caminetto, un tepidarium e due suite benessere private. A disposizione degli ospiti un programma con più di 80 trattamenti e massaggi e 30 corsi di ginnastica gratuiti, usufruibili in una grande palestra dotata delle più moderne attrezzature.

Una lunga promenade esterna, infine, consentirà di passeggiare quasi tutto intorno l’intera nave. Lungo il percorso, i passeggeri potranno scegliere di sostare in uno dei numerosi bar e ristoranti affacciati, oltre che presso il grande Lanai bar di poppa.

Amore tossico…

I miei rapporti di coppia sono sempre stati nel reciproco rispetto e nell’assoluta liberta’ , perché ho sempre pensato che l’amore dev’essere incondizionato…

Altrimenti non potrebbe chiamarsi amore.

Ci si innamora di una persona così com’è con i suoi difetti e con i suoi pregi e se la ami non la vuoi cambiare, ma per te è perfetta proprio così com’è.

Ma da mesi sto cercando di capire alcune dinamiche che si scatenano in altre relazioni e leggendo ho trovato questa spiegazione che mi fa capire molte cose…

C’innamoriamo di qualcuno e crediamo per questo motivo di saper amare. In realtà di norma non si tratta d’amore, ma d’un’intossicazione da magnetismo psichico che produce una sorta di euforia.

Quando si soddisfa il desiderio passionale e passa l’ubriacatura, questo surrogato dell’amore ha fine.

Amore tossico e rapporti di coppia che fanno male, ne avete mai incontrati nella vita?

L’amore è tossico quando, ad esempio, ci porta a rinunciare alle nostre amicizie e alle nostre passioni.

Quando la storia finisce rischiamo di rimanere davvero soli.

Forse nella vita avete conosciuto sia coppie felici che coppie molto problematiche, dove le prevaricazioni erano evidenti.

Quando l’amore diventa tossico può portare alla fine di una coppia ma alcune persone si adattano alla situazione e la storia continua anche se provoca molto dolore in almeno uno dei due.

L’amore tossico ci impedisce di sentirci felici e soddisfatti del rapporto che stiamo vivendo.

L’amore diventa tossico, ad esempio, quando uno dei due non riesce più ad accettare le caratteristiche dell’altra persona e il suo modo di amare.

Alcune volte l’amore è tossico quando uno dei partner tenta di cambiare l’altra persona in modo che diventi il più simile possibile all’immagine perfetta che ha in mente per creare una coppia da favola.

L’amore perfetto forse non esiste ma non per questo un legame deve diventare tossico.

Lasciate che l’altra persona sia se stessa e lasciate che brilli di luce propria…solo così potrete essere felici e rendere l’altra persona felice

Papenburg… cantiere navale Meyer werft…

Mi trovo a lavorare all’interno di una delle navi da crociera Piu grandi al mondo è più lussuosa…

Vi garantisco che è immensa “Aida nova”

Migliaia di persone che lavorano esternamente alla carpenteria e all’interno…è la mia prima volta lavorare in un cantiere navale e non è un lavoro facile, per le che condizioni…le rigide regole per la sicurezza è molto altro.

Io dovrò fare con la foglia argento i soffitti, colonne e pareti di uno dei ristoranti della nave.

Trasferta Papenburg…

Oggi sono arrivata per una trasferta di lavoro a Papenburg, domani si inizia il lavoro presso il cantiere navale Meyer dovrò decorare un soffitto e una parete della sala ristorante di una nave da crociera.

Oggi ne ho approfittato per visitare il centro di Papenburg.

Il centro della città ha un bellissimo canale decorato con tanti fiori, io canale la attraversa, e all’interno ci sono diverse navi vecchie e anche alcuni monitor con foto di navi da crociera costruite di recente su un lato e le foto storiche sull’altro lato.

C’e anche un vecchio mulino restaurato.

Insomma direi che è molto interessante…molto più vicino alla cultura Olandese che tedesca 😊

Tiramisù liquirizia e cannella…

Oggi mi sono dilettata a preparare un tiramisù, mi è sempre piaciuto cucinare, il mio compagno adorava la mia cucina in particolare era golosissimo del tiramisù che preparavo, se ne faceva delle gran scorpacciate 😊

Ecco la ricetta per 4 persone.

Ingredienti:

3 uova;

250 gr di mascarpone;

Biscotti pavesini;

20 gr. Liquirizia in polvere;

due tazzine di caffè;

Cannella o cacao amaro qb.

Procedimento:

Dividere i tuorli dall’albume, e in una ciotola sbattere gli albumi a neve (è molto importante per la morbidezza della crema), appena l’albume e’ stato montato perfettamente, aggiungere i tuorli e continuare ad amalgamare bene, aggiungere la liquirizia e una tazzina di caffè, continuare a mescolare il tutto fino a che la crema è completamente amalgamata (io non aggiungo zucchero, ma se volete potete metterne un poco).

Prendete un recipiente rettangolare, un piatto fondo dove metterete il caffè…e si inizia a comporre il tiramisù 😊

Mettere uno strato di crema fino a coprire la base del recipiente rettangolare (abbondante 😉 le parole di Onofrio erano tanta crema 😍 …poi prendere i biscotti (Pavesini) bagnare il retro nel caffè (mi raccomando non tenerli in ammollo, ma bagnarli poco poco 😊 uno per volta e disporre i biscotti sopra la crema fino a coprire …continuare mettendo nuovamente tanta crema e così via un altro strato di biscotti 😊 io preferisco non andare oltre i 4 strati di biscotti (per non renderlo stopposo).

Finire con la crema e spolverare con cannella oppure cacao amaro.

Coprire con domopack e mettere in frigo per almeno due ore 😊 eccolo pronto per essere assaggiato 😉

Buona degustazione 😊

Ecoprint….

Ormai lo sapete, delle mie passeggiate sull’alzaia dell’adda per rilassarmi e per raccogliere fuori e foglie da trasferire su tessuti, che poi trasformo in capi e accessori d’abbigliamento 😊

Poi ci sono gli amici che ti regalano mazzi di fiori…e allora ecco che i colori prendono forma 😍

Sempre e solo con amore, ormai sapete anche che la creatività mi sta aiutando molto, e ammetto che vorrei una giornata fatta di 48 ore per poter creare quello che la mia testa sta realizzando ancor prima delle mie mani 😊